Critiche diffuse alle proposte legislative

Home   /   Critiche diffuse alle proposte legislative

Hollenbach (kobinet) Attualmente sono in corso lavori legislativi che, almeno di nome, dovrebbero apportare miglioramenti alla vita delle persone disabili. Esiste da un lato la legge di rafforzamento della partecipazione, dall’altro la legge di rafforzamento della cura o la legge di rafforzamento dell’accessibilità. Le associazioni e le associazioni di persone con disabilità protestano con veemenza contro quelle che ritengono essere designazioni fuorvianti perché vedono normative legali insufficienti. Anche la regolamentazione legale assolutamente incompleta sull’assistenza delle persone disabili in ospedale è interessata. Lì, il governo ha già ammesso un lavoro imperfetto, ma ancora non pensa almeno a correggerlo.

Leggi sulla protezione delle barriere
Un commento del redattore di kobinet Gerhard Bartz

Ho avuto il mio primo contatto con il muro di cemento, chiamato il governo federale, a Bonn nel 1997, quando i datori di lavoro disabili sono stati spostati nel beneficio in denaro di assicurazione di assistenza a lungo termine letteralmente all’ultimo secondo. Anche se nessun volontario lavora qui, sono stati negati gli importi più elevati in natura. Associato a questo è stato poi anche il dovere per le missioni di assistenza obbligatoria incapaci. ForseA ha combattuto contro questo con una petizione, che nonostante 7608 firme e un disegno di legge basato su di esso (BT-Drucksache 13/8681) di Bündnis 90/Die Grünen è rimasto inefficace. Qui solo i gruppi sociali dovrebbero rimanere privilegiati.

Nel 2003 abbiamo celebrato l’Anno europeo delle persone con disabilità e ci siamo lasciati celebrare, ad esempio a Magdeburgo o a Brema. Nel momento in cui abbiamo ascoltato le parole calde della politica nei discorsi festivi, il governo ha lavorato in background sulla transizione della legge federale sull’assistenza sociale nel 12 ° libro del Codice sociale. Anche l’accesso al reddito e alle attività è stato notevolmente rafforzato.

nel 2009 è entrata in vigore la legge sull’assistenza in ospedale. Tuttavia, solo per i datori di lavoro disabili e solo in ospedale, un anno dopo è stato ancora esteso alla cura. Più di dieci anni più tardi, una soluzione completa per l’offerta insufficiente, spesso pericolosa per la vita, è ancora molto lontana. Con dibattiti finti sui costi e la loro distribuzione, qualsiasi soluzione è bloccata.

La legge federale sulla partecipazione è stata introdotta nel 2017. Anche una legge che cementa le strutture esistenti. Paradosso: sono stati promessi miglioramenti e allo stesso tempo la neutralità dei costi. Il tipo di supporto” assistenza ” richiesto da tempo dalle persone con disabilità è stato completamente ignorato. Invece, è stato creato un modello di situazione di vita che si limita a rinominare le strutture esistenti. Le precedenti separazioni ora in SGB IX e SGB XII continua. Molte persone sono detenute in SGB XII, anche se non conosco nessuno che non abbia bisogno di servizi di integrazione oltre ad aiutare con cura. Ma attenendosi alle cure di sola cura, la società può fare un uso molto maggiore del reddito e della ricchezza di queste persone con disabilità. In entrambi i casi, la loro rimozione non è coperta dalla nostra Costituzione né dalla Convenzione sui diritti della disabilità.

La nostra società, che è estremamente turbata per le sue restrizioni temporanee sui diritti fondamentali durante la pandemia di Covid-19, che dovrebbe proteggerci da noi stessi, accetta che i diritti fondamentali delle persone con disabilità siano danneggiati in modo permanente non appena devono approfittare del risarcimento relativo alla disabilità. I disabili e gli anziani sono raggruppati in istituti e sono particolarmente facili da cadere vittima di virus e altre minacce, come è stato visto di nuovo a Potsdam con grande orrore. Barriere di ogni tipo sono difese con denti e artigli, impedendo alla società di confrontarsi con le persone con disabilità ad ogni turno. E le rivendicazioni di queste persone vengono rinegoziate al fine di limitare il più possibile la loro partecipazione. Nessuno scende in strada per questo. Dopo tutto, conosciamo la discriminazione contro i disabili e gli anziani, e lo abbiamo sempre fatto. Questa idea sembra aver assunto la sponsorizzazione delle leggi per le persone disabili degli ultimi decenni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.