Pfizer ci chiede di consentire il vaccino COVID-19 per i bambini dai 5 agli 11 anni

Home   /   Pfizer ci chiede di consentire il vaccino COVID-19 per i bambini dai 5 agli 11 anni

Pfizer ha chiesto al governo degli Stati Uniti giovedì di consentire l’uso del suo vaccino COVID-19 nei bambini dai 5 agli 11 anni in quella che sarebbe una grande espansione che potrebbe combattere un allarmante aumento delle infezioni gravi nei giovani e aiutare le scuole a rimanere aperte.

Se i regolatori danno il via libera, i colpi dei bambini a dose ridotta potrebbero iniziare nel giro di poche settimane per i circa 28 milioni di bambini in quella fascia di età.

Molti genitori e pediatri chiedono a gran voce protezione per i giovani sotto i 12 anni, l’attuale limite di età per le vaccinazioni COVID-19 negli Stati Uniti

La Food and Drug Administration dovrà decidere se i colpi sono sicuri ed efficaci nei bambini in età scolare. Un gruppo di esperti indipendenti discuterà pubblicamente le prove su Ott. 26.

Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech hanno detto che la loro ricerca mostra che i bambini più piccoli dovrebbero ottenere un terzo della dose ora somministrata a tutti gli altri. Dopo la loro seconda dose, i bambini da 5 a 11 anni hanno sviluppato livelli di anticorpi che combattono il virus altrettanto forti di quelli che adolescenti e giovani adulti ottengono dai colpi di forza regolare.

Mentre i bambini sono a minor rischio di malattia grave o morte rispetto alle persone anziane, COVID — 19 a volte uccide i bambini-almeno 520 finora negli Stati Uniti, secondo l’American Academy of Pediatrics. E i casi nei giovani sono saliti alle stelle mentre la variante delta extra-contagiosa ha attraversato il paese.

Mentre alcune madri e padri saranno senza dubbio prendere una dura posizione contro la vaccinazione dei loro figli, molti genitori di studenti elementari sono in trepidante attesa di autorizzazione dei colpi dopo 18 mesi di apprendimento a distanza, COVID-19 spaventa e infezioni, dibattiti maschera e quarantene scolastiche.

Non vedono l’ora di visite regolari ai nonni di nuovo, playdates senza preoccupazioni, vacanze e la pace della mente di far cadere i bambini a scuola senza la costante paura che si ammalano. I presidi sperano che i colpi permetteranno alle scuole di rimanere aperte e tornare alla normalità.

Sarah Staffiere di Waterville, nel Maine, ha detto che non vede l’ora che i suoi figli vengano vaccinati, specialmente il suo bambino di 7 anni, che ha una rara malattia immunitaria che ha costretto la famiglia ad essere più cauta durante la pandemia.

Pfizer ha studiato la dose più bassa in 2.268 volontari di età compresa tra 5 e 11 e ha detto che non ci sono stati effetti collaterali gravi. Lo studio non è abbastanza grande per rilevare effetti collaterali estremamente rari, come l’infiammazione cardiaca che a volte si verifica dopo la seconda dose del vaccino a forza regolare, soprattutto nei giovani uomini.

Cindy Schilling, preside di una scuola elementare in West Virginia, che si classifica ultimo morto tra gli stati nella percentuale di residenti completamente vaccinati, ha detto che non pensa che molti genitori prenderanno i loro figli per ottenere il colpo.

Ha detto che spesso li sente dire che sono più preoccupati per gli effetti del vaccino rispetto al COVID-19, soprattutto perché non hanno visto bambini piccoli ammalarsi pericolosamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *