Ulteriori chiarimenti sul budget personale

Home   /   Ulteriori chiarimenti sul budget personale

Hollenbach (kobinet) Ci sono controversie circa la forma di rimborso “budget personale” per quanto riguarda il rimborso delle spese di assistenza. Ovviamente le normative legali confuse sono spesso utilizzate sul lato del vettore di costo per allungare le procedure. L’opportunità per questo è spesso fornita dall’accordo di destinazione e dall’incertezza su come ottenere il servizio tanto necessario finché si deve attendere l’accordo di destinazione.

A tal fine, la Corte Sociale Gießen su 29.10.2020 (Az.: S 18 SO 146/20 ER): “Tuttavia, il diritto legale a un budget personale desiderato dal legislatore sarebbe in gran parte inutile se il fornitore di servizi potesse impedire l’emergere dei suoi requisiti a volontà rifiutando di concludere un accordo target con il beneficiario. Pertanto, vi è un obbligo legale per le parti di concludere un accordo target se gli altri requisiti per l’approvazione di un bilancio personale, vale a dire la capacità di bilancio del beneficio e l’applicazione del beneficiario, § 29 par. 1 SGB IX”. Secondo la corte sociale, il pagatore può rifiutarsi di stipulare l’accordo target solo se vi sono ragioni che consentirebbero una risoluzione immediata dell’accordo target. Si prevede che concluda prima l’accordo target e lo risolva in seguito se si scopre che l’avente diritto non adempie alla sua parte del contratto. La conclusione dell’accordo target può quindi essere rifiutata solo se è ovvio che l’avente diritto, ad esempio, non fornirà le prove per soddisfare i requisiti e la garanzia della qualità.

Commenti del redattore di kobinet Gerhard Bartz
Questa decisione dimostra che anche dopo quasi 20 anni di gestione del budget personale, il comportamento del vettore di costo è ancora lontano dalle intenzioni del legislatore in quel momento. La ragione di ciò, tuttavia, è anche il legislatore stesso, che è rimasto impreciso nelle sue formulazioni e quindi ha aperto possibilità di interpretazione a cui molti richiedenti non hanno reso giustizia. Gradualmente, i tribunali mostrano quali potenzialità sono effettivamente presenti nel bilancio personale, se non si lascia la sovranità dell’interpretazione ai soli pagatori. In questo contesto, la sentenza fondamentale della Corte sociale federale di 20.01.2021 (Az.: Az.. B 8 SO 9/19 R) riferimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *